Cappella di San Matteo e San Giovanni



Cappella di San Matteo e San Giovanni di Case Colombo, Piagni e Balme (Cantoira)


Tra le località Piagni e Balme, si lascia la provinciale scendendo la strada che porta verso Stura; si lascia la macchina prima del ponte e lo si attraversa proseguendo verso la locatà Case Colombo; all'estremità della borgata si trova la cappella affrescata, ben visibile dalla provinciale.


San Matteo
San Matteo


San Matteo
San Matteo, festa 2013


L'attuale cappella, ricostruita nel 1856, si presenta molto ben curata, intonacata e affrescata.
Probabilmente la prima cosa che si nota √® il grande quadrante dell'orologio, pi√Ļ largo del campanile su cui √® posto; curioso √® anche il termine del campanile stesso che funge da alloggiamento per le campane, non in pietra come √® usuale nelle altre cappelle della valle, ma metallico.
In facciata è presente un dipinto raffigurante i santi Apostoli Matteo e Giovanni, arricchito ai fianchi da due motivi floreali che sono ripresi molto simili sui muri laterali all'interno.
Sopra l'altare originale addossato al muro di fondo è presente un dipinto raffigurante la Vergine con gli Apostoli, mentre ai fianchi sono presenti due nicchie recanti due statue. Il suddetto altare presenta un dipinto purtroppo deteriorato.



San Matteo e San Giovanni
dipinto in facciata, San Matteo e San Giovanni

San Matteo, interno
interno

San Matteo, dipinto
la Vergine con gli Apostoli

San Matteo, altare
altare

San Matteo San Matteo


La prima notizia dell'esistenza della cappella si trova in un testamento fatto durante la peste del 1629, ed è quindi precedente a tale data.
Nella relazione di visita pastorale dell'arcivescovo Bergera del 1653 dice che si trova nella borgata "dei Bergiotti e che serve anche gli abitanti di Casa Colombo, Piagni e Balme, trovandosi oltre mezz'ora dalla chiesa parrocchiale". Il Bergera la descrisse "soffittata e imbianchiata" e sopra l'altare, costruito in laterizi, era fissato l'altare portatile consacrato ed era collocata l'icona di San Matteo.
Non vi sono ulteriori visite pastorali fino al 1769 dell'arcivescovo Rorengo di Rorà, il quale la descrive con molti particolari, trovandola in buono stato.
Il 3 aprile 1839 gli amministratori della cappella, trovandola "antica, angusta e bisognevole di riparazioni", decisero di costruirne una nuova pi√Ļ ampia, servendosi anche dei materiali di recupero della precedente. Per far ci√≤ ricorsero, in accordo con il nuovo parroco Giovanni Bottino, all'arcivescovo Luigi Fransoni il quale concesse al parroco la facolt√† di benedirla e di celebrarvi la messa. Le 'Relazioni sullo stato della Parrocchia' fatte dal parroco Costa in preparazione alla visita pastorale dell'arcivescovo Davide Riccardi nel 1893 e del parroco Menietti in preparazione alla visita dell'arcivescovo Maurilio Fossati nel 1939 la qualificano "in buon stato". La relazione del Menietti la diceva pure "rifatta e benedetta nel 1856".

Ogni anno viene celebrata la festa dell'apostolo di San Matteo.